Subscribe:

domenica 9 dicembre 2018

Recensione: “Elantion” di Valentina Massano [Rating 8]


recensione ebook fantasy
Link Acquisto Amazon

Compralo da La Bancarella di Scrittorindipendenti

Titolo opera: Il Discendente, l'Errante e la Ribelle


Editore: Pubblicazione indipendente

Autore: Valentina Massano

Genere: Fantasy 

Prezzo: Euro 2,49 Ebook, 20,99 Cartaceo

Rating: 8

Sinossi: Il mondo di Elantion è nuovamente invaso da antichi e dimenticati nemici provenienti da un altro mondo. Dopo due anni di guerra, il regno della Draelia è tra tutti il più devastato. Città e villaggi sono distrutti, non vi è più nessun umano, elfo o nano che ci abita, si vedono solo tulvar. Le migliaia di umani sopravvissuti sono fuggiti trovando rifugio nel regno elfico dell’Elelreel, naturalmente protetto da catene montuose e dalla potente magia elfica, i Nani hanno eretto un muro per difendere il loro Altopiano e con il diffondersi di queste tragiche notizie, anche i Principati del Sud stanno costruendo mirabili difese.
La storia inizia quando Kaj, un umano rifugiato nell’Elelreel, incontra Clarice, un’elfa errante, e Oloice, un nano di Tetirstad. La sua vita cambierà radicalmente ancora una volta. Insieme inizieranno un viaggio che farà loro riscoprire eventi passati dimenticati, li costringerà ad affrontare le loro paure e pregiudizi, li condurrà nei territori devastati dai nemici, gli insegnerà che non tutto è così perduto come sembra e che gli invasori possono ancora essere sconfitti.

Recensione: “Elantion” di Valentina Massano è il primo volume di una saga, come si vede già dal titolo, tuttavia non sono riuscita a sapere nulla sul seguito di questo che pure sembra essere un progetto di ampio respiro. Si tratta di un fantasy gotico che ha delle atmosfere molto cupe, in alcuni momenti, ma è anche colmo di speranza per il futuro. In questa storia le differenze si trasformano in peculiarità e possibilità di reciproco arricchimento.
La storia è davvero originale e l’autrice ha la forza di creare una nuova razza di spietati dominatori e predatori, quella dei Tulvar. La loro società ha una struttura assai rigida, fatta di classi invalicabili. 
L’universo che contiene il mondo di Elantion è ricco e complesso ed ha come presupposto un sostrato mitico e passato storico, in parte condiviso tra le varie razze che vivono nei diversi mondi, di cui esso è composto. Ogni divinità ha creato un diverso mondo dove far vivere i suoi figli ma, col passare del tempo, le genti si sono mescolate.  Elantion è il mondo degli elfi, quello in cui si svolge la nostra storia. Qui vivono in armonia elfi, nani ed umani anche se le reciproche diffidenze restano. 
Ma ora dovranno unirsi perché un antico nemico comune e terribile è tornato a minacciare il loro mondo. La razza dei Tulvar, malvagi, primitivi, dediti solamente alla guerra e bramosi di conquistare sempre maggiore ricchezza e potere. Di partenza sono decisamente trucidi e ciò comporta delle sfumature horror.
È proprio qui che comincia la sorprendente originalità di questo libro in cui i cattivi e gli egoisti si evolvono e cambiano, divenendo una parte molto importante per respingere, per la terza volta, gli invasori. La psicologia dei diversi e numerosi personaggi è molto curata ed anche i dialoghi, che lasciano ben intuire i vari stati d’animo che si susseguono. Le scene di battaglia non mancano ma c’è spazio anche per l’amore. Un sentimento che fa mutare tutti gli equilibri.  
Il mio voto sarebbe stato anche maggiore se nel testo fossero stati inclusi anche gli schizzi dei personaggi, che l’autrice stessa dice di aver eseguito, all’interno della breve premessa anteposta al romanzo. 
Voto finale 8, consigliatissimo! 

Carla Ioppolo

3 commenti:

Valentina Massano ha detto...

Grazie per la bella recensione, sono davvero emozionata. Il sequel credo di poterlo pubblicare in primavera per poi continuare con il terzo volume. :)

Monica Bravo ha detto...

Libro letto, concordo in pieno con la recensione .... decisamente consigliato ... non vedo l'ora di leggere il secondo

Andrea Zanotti ha detto...

Pare proprio che prima o poi dovrò leggerlo pure io...

Posta un commento