Subscribe:

sabato 17 marzo 2012

"La Bambina dei Sogni" di Carlo Menzinger di Preussenthal [Rating A]



Titolo: La Bambina dei Sogni
Autore: Carlo Menzinger
Genere: Thriller
Pag: 266
Rating: A

 

 

Carlo Menzinger non è certo un autore alle prime armi e questo traspare dalla cura dell’intero romanzo.
Ha deciso di seguire la via del copyleft, concedendo i suoi lavori gratuitamente ai suoi lettori e facendo di questa sua scelta una vera e propria bandiera.
Troverete tutto sul suo sito personale, compresi i suoi lavori precedenti all’ebook che mi appresto ad analizzare: www.menzinger.too.it

Comunque non perdiamoci in filippiche sulla moralità del gesto e sulla filosofia che sta alla base di tale mirabile scelta, perché ciò che più ci interessa in questa sede è il suo ebook gratuito: La Bambina dei Sogni.
Si tratta di un thriller avvincente, in grado di riportare alla mente le opere inquietanti e stralunate di quel vecchio marpione di Lovecraft, paventando l’esistenza di creature sovrannaturali, sempre pronte a cogliere ghiotte occasioni per far ammattire la gente! 
Questa volta voglio spiazzarvi, esplicitandovi subito il mio rating, e le motivazioni che non hanno fatto ottenere a questo testo una valutazione maggiore.
La Bambina dei Sogni, Rating A, pieno.
Non ho gradito l’incipit del romanzo, tutto qui. Mi è parso un po’ troppo forzato.
Capisco la necessità, tutta attuale, e che io non riesco a condividere, di partire subito con l’azione, ma in questo caso specifico mi pare si sia esagerato, affrettando gli eventi, fin quasi a renderli fittizi e poco credibili.
E’ l’unica critica vera che muovo al romanzo ed, essendo basata unicamente sul gusto personale, spero proprio non incida sulla vostra voglia di leggere l’ebook che rimane di ottimo livello.
Probabilmente ad altri questo inizio sprint farà l’effetto opposto, ma tant’è!
La vicenda ci viene narrata in prima persona dal protagonista, Paolo, un padre di famiglia qualunque, come si suol dire, un uomo medio, metodico, con i piedi ben piantati per terra, razionale e con le virtù e i vizi comuni a tutti noi.
Ai fini del romanzo questa caratterizzazione è fondamentale, per renderlo credibile e familiare, spingendoci ad immedesimarci con lui in modo del tutto naturale.
I monologhi interiori, di cui è costituito gran parte del romanzo, non stancano ed anzi sono calibrati in modo tale da far procedere lo slittamento del raziocinio del protagonista in modo graduale e impercettibile, “un passetto alla volta”, fino al finale che non vi svelerò certo su queste pagine!
Tutto ruota attorno a una bambina e sui presunti poteri che essa possiede.



Certo, il tema dei pargoli con poteri tali di farli apparire come mostri, è un clichè già visto, ma almeno nel mio caso, sempre capace di far correre un brivido lungo la schiena…
Insomma, influenza i sogni, la piccola, senza sapere neanche bene come, né perché. Elena è una bimba, orfana per giunta, e ancora deve imparare tutto della vita, compresi i rischi derivanti dalla bomba psichica che si trova suo malgrado a possedere e maneggiare.
Paolo si trova nella condizione di essere “prescelto” dall’adorabile esserino mostruoso e suo malgrado scopre di non potersene più separare.
Da qui nasce l’iniziale affanno innanzi alla scoperta dei poteri di Elena e dai possibili rischi ad essi collegati. L’angoscia del padre dibattuto fra l’amore per la sua famiglia, e il desiderio di proteggerla, e quello per l’orfanella pericolosa, permea tutta l’opera, coinvolgendo il lettore in un equazione priva di soluzioni.
L’autore ricrea bene il clima ansiogeno, stupendoci con l’utilizzo di stereotipi lovecraftiani di entità dormienti, eppure sempre in agguato, in modo originale e attuale.
L’abilità di Menzinger sta tutta nel lasciare sempre uno spiraglio alla possibilità, seppure remota, che la vicenda possa essere nonostante tutto domata grazie alla frusta della razionalità, o che tutto possa solo essere il frutto dell’immaginazione del protagonista.
Il lettore rimane nel dubbio, e ogni volta che tenta di imboccare una via convinto di poter uscire dal labirinto onirico eretto da Menzinger, si trova punto e a capo, perché una nuova vicenda stravolge le sue convinzioni.
I confini fra realtà e sogno con l’incedere del testo si fanno labili, come la razionalità del protagonista minata dalle notti insonni e non solo...
L’autore l’ha ben studiato insomma questo romanzo e non potrebbe essere altrimenti. Supportato dalla sua prosa fluida non ha difficoltà a catturarci e a farci leggere d’un fiato la sua opera.
Non sono un esperto del genere, non credo sia il massimo dell’originalità, ma il modo in cui il tutto viene orchestrato, ha reso la lettura assolutamente godibile.
Complimenti quindi all’autore, e grazie per l’ebook regalo, perché di questo si tratta, non dimentichiamocelo!

2 commenti:

Carlo Menzinger ha detto...

Grazie a te e a tutti i lettori, perchè questo non è solo un libro gratuito (offerto in copyleft), ma è anche un libro in continua crescita ed evoluzione e che da ogni lettura e da ogni commento trae linfa per crescere e migliorare. La formula dell'ebook libero da vincoli editoriali, permette infatti di uscire (anche con ritmi giornalieri) con edizioni sempre migliorate dell'opera, che peraltro, dopo svariate letture, si appresta ormai a raggiungere un forma pressoché definitiva.

Carlo Menzinger ha detto...

PS Linkato qui http://sites.google.com/site/carlomenzinger/home-1/home/la-bambina-dei-sogni

Posta un commento