Subscribe:

domenica 8 gennaio 2012

Il risveglio dalla grande illusione



Allora, cari aspiranti scrittori, è tempo di farci un bell'esamino di coscienza. Già, perchè ancora molti di voi saranno dibattuti, titubanti e forse maldisposti a mettere in libero download la propria amata opera. Quindi, per superare di slancio ogni tentennamento, è bene fermarsi a pensare in modo oggettivo e razionale alla soluzione che vi sto proponendo.
Quando si tratta di sogni, perchè diciamocelo, quello di vedere il proprio libro esposto in ogni dove a formare ziggurath piramidali mirabolanti, rientra sicuramente nei confini del regno di Morfeo, è difficile pensare in modo razionale. Almeno questa è la mia esperienza, ed essendo una persona con i piedi ultra zavorrati al suolo, ne deduco che così sarà per la maggior parte di noi... quindi, razionalizzando, cosa vi aspettate dalla tanto agognata pubblicazione?
 
Soldi?
Fama?
Notorietà?
Privilegi?
 
Avete sbagliato tutto, diamine, dovevate darvi alla politica!
A parte gli scherzi, qui vogliamo affrontare la questione "scrittore o pivello" con la massima serietà.
Cosa è lecito attendersi dalla pubblicazione con un editore medio/piccolo?

Nulla!

Questa è l'amara verità.