Subscribe:

venerdì 10 agosto 2012

"Nel pozzo del mondo" di Adriano Marchetti [Rating A-]

Titolo: Nel pozzo del mondo
Autore: Adriano Marchetti
Editore: Edizioni Esordienti E-book
Genere: Fantascienza
Pag.: 131
Rating: A-
Link download




Oggi parliamo di Fantascienza. Un romanzo breve edito dalla Casa Editrice EEE che ha come Direttore Editoriale Piera Rossotti, fondatrice del mitico Rifugio degli esordienti che con il suo progetto di lettura incrociata ha aiutato centinaia di aspiranti scrittori a migliorarsi.
"Nel pozzo del mondo" è un romanzo breve, nelle intenzioni d’avventura e d’esplorazione. Siamo nel bel mezzo dei viaggi alla scoperta dell’universo e ci troviamo a bordo della prima nave terrestre che si accinge a scoprire, e se possibile colonizzare, un nuovo mondo.
Che poi un’altra metà dei terrestri, fuggita a seguito di una guerra civile che ha coinvolto il nostro pianeta, sia già da tre secoli impegnata in viaggi di questo tipo, poco conta ai nostri fini.
I nostri protagonisti sono un'equipe di otto specialisti, dal geologo all’ufologa, dal meccanico per astronavi spaziali all’immancabile informatico stralunato, supportati dal computer di bordo della nave. In realtà questo non è altro che la mente del marito della comandante della spedizione, ripescata dopo il decesso di quest’ultimo.
Il viaggio interstellare si dilunga per buona metà del romanzo dandoci sì la possibilità di conoscere e approfondire le personalità dei membri della spedizione, ma senza che accada nulla di rilevante/emozionante.
Le cose migliorano un po’ giunti sul pianeta oggetto della missione, con la scoperta dei pozzi che danno il titolo al romanzo. L’alone di mistero di questi e la claustrofobia del trovarsi a mille chilometri sotto la superficie del terreno dovrebbero fornire buoni elementi per coinvolgere il lettore in un clima ansiogeno di tutto rispetto, eppure a mio avviso la trama non decolla mai, lasciando l’amaro in bocca e non facendo certo rimpiangere il fatto che si tratti di un romanzo breve.
Si presentano alcune interessanti digressioni di carattere sociologico e di interazione fra persone/popoli, ma abbastanza fini a se stesse e relativamente scontate.
Intendiamoci, la prosa di Marchetti è ineccepibile (quasi da manuale), l’editing svolto sul libro rasenta la perfezione, ma la trama è più piatta del paesaggio privo di asperità che i nostri "eroi" trovano sul pianeta.
I dialoghi sono fluidi e naturali, le descrizioni spesso evocative, i personaggi ben costruiti (a parte forse il militare fifone… possibile che fra tutti i professionisti siano andati a scegliere proprio un cacasotto?!), l’idea dei pozzi e di quello che ci sta sotto originale, ma nonostante tutto, permane una sensazione di immobilismo/stallo della trama che sovrasta gli aspetti positivi summenzionati. Manca il guizzo capace di creare la mistura esplosiva dai singoli ingredienti.
Anche il finale è decisamente affrettato e pur interessante nell’idea, è presentato in modo sbrigativo, cercando un colpo ad effetto che sarebbe riuscito meglio concedendo un maggior tempo al lettore.
Personalmente prediligo la fantasia sfrenata (che può portare con sé qualche strafalcione), alla mera e diligente esecuzione del compitino privo di errori.
A mio avviso Adriano Marchetti è dotato di un ottima tecnica e questo traspare appieno dal suo scritto, ma ci vuole un maggior impegno a livello di trama.
A mio parere quindi Rating A-

0 commenti:

Posta un commento