Subscribe:

lunedì 7 marzo 2016

Italian Way of Cooking di Marco Cardone [Rating 8]

Link Acquisto Amazon

Link Acquisto epub


Titolo: Italian Way of Cooking


Autore:  Marco Cardone

Editore: Acheron Books

Genere: Horror

Prezzo: Euro 3,38

Rating: 8

Sinossi: Nero è un cuoco eccezionale, ma la crisi economica non lo ha risparmiato e il suo ristorante, il Gallo Nero del Chianti, è sommerso dai debiti e prossimo al fallimento. In una notte stregata accade però un evento del tutto eccezionale che risolverà i suoi problemi... creandogliene altri ben più spaventosi! Una creatura mostruosa, antica come il mondo e affamata di esseri umani, si introduce in casa sua e minaccia i suoi bambini. Nero è costretto a ucciderla, e, attratto dall'odore delle sue carni, prova l'impulso irresistibile di cucinarle e scopre che sono squisite. Prova allora a servirle di nascosto ai clienti del ristorante, ottenendo un successo oltre qualsiasi aspettativa. Inizia così la rinascita dal Gallo Nero: tenendo celato il suo segreto, in una maliosa estate toscana il cuoco si dedica alla ricerca di altre creature mostruose per ucciderle, cucinarle e servirle agli ignari avventori. La fama del ristorante e delle sue prelibatezze cresce a dismisura, così come i problemi: in fondo si tratta di Mostri, e dar loro la caccia è un'attività estremamente pericolosa, soprattutto nel momento in cui le creature capiscono l'antifona e decidono di invertire i ruoli e far tornare la catena alimentare nel giusto ordine delle cose...! Benvenuti quindi al Gallo Nero del Chianti, grottesca sarabanda horror-culinaria fra piatti deliziosi dagli ingredienti che è meglio non rivelare, direttori di banca e serial killer, vigilesse feticiste dell'autovelox, vini pregiati e pietanze prelibate ma dagli arcani effetti collaterali, l'unico ristorante al mondo dove non si è sicuri di mangiare (cosa, poi?), o di essere mangiati... 

Il romanzo contiene in appendice il "Ricettario Mostruoso": dieci ricette per cucinare altrettante creature sovrannaturali del folklore sia italiano che internazionale, tramandate da secoli e rivisitate da dieci impavidi Horror Masterchef!

Recensione:
Era un bel po’ di tempo che non leggevo qualcosa di così originale.
Prosa semplice, immediata ed efficace, condita da dialoghi in dialetto toscano. Mistero, horror e succulente ricette culinarie si mescolano in un prodotto ben confezionato ad opera di una casa editrice digitale da tenere sott’occhio, data la scuderia d’autori di prim'ordine che riunisce sotta la propria ala.
Acheon books, schiera Samuel Marolla, Paul di Filippo e Luca Tarenzi, a me, come a molti, già noti e graditi, mentre Marco Cardone, autore di questo romanzo, lo scopro solo ora e subito si conquista tutta la mia stima.
Se al mondo ci fosse un po’ di giusta meritocrazia confido che sentiremo parlare sempre più spesso di questo editore lungimirante che ha puntato deciso sulla qualità.
Ma torniamo al romanzo prima che mi infervori lanciandomi in una inutile filippica contro l’editoria italica. Non è mia intenzione tediare oltre misura il pubblico di questo blog, che per il solo fatto di essere qui non rappresenta certo il bersaglio dei miei strali.
Nero, il ristoratore protagonista del romanzo, è un gran personaggio, un toscanaccio di quelli impossibili da non amare, il cui carattere spigoloso è acuito da una sequela di eventi sfortunati. Un combattente capace di strapparci un sorriso anche nei momenti più bui e tesi.
Confido che la mia passione per il paesaggio collinare del Chianti e della buona cucina toscana non mi abbia influenzato nel giudicare questo romanzo. Anche tralasciando questa mia peculiare predilezione, ritengo che le basi dell’opera siano solide sotto tutti i punti di vista.
Certo è che le sporadiche, ma splendide, descrizioni paesaggistiche, nonché le abili performance culinarie del protagonista, mi hanno spinto a desiderare l’abbandono della prigione costituita dalle cime montuose che rinchiudono Bolzano, la mia città natale, per tornare al più presto a fare una capata in Toscana. Ad ogni modo il cuore della narrazione imbastita dall’autore è da solo capace di conquistare, quindi è doveroso attribuirgli il merito di catturare il lettore a prescindere dall’azzeccata ambientazione prescelta.
Non solo Nero è un personaggio riuscitissimo. 
Anche l’aiuto cuoco col fiuto per gli affari è ben realizzato e sviluppato, e in coppia con Nero e Tatanka (lo spirito guida del cuoco), formano un trio spassoso e originale, carico d’inventiva e soluzioni sorprendenti.
Il confine fra pazzia, soprannaturale e immaginazione tende a confondersi in Italian way of cooking, mescolandosi al cinismo macabro e all’ironia pungente. 
Come elementi tanto diversi possano convivere e amalgamarsi alla perfezione con il docile paesaggio collinare delle valli del Chianti è tutto merito dell’autore, capace di dar vita a un romanzo palpitante, calando sapientemente dosi morigerate di soprannaturale che danno però il là ad un romanzo eccellente, capace di inquietare, insinuare il dubbio, facendoci destare nel cuore della notte con la spiacevole sensazione che qualcosa si possa celare nel buio circostante, fosse anche solo uno squilibrato armato di mozzateste
L’orrore rimane dietro le quinte ma agisce dritto dritto nel subconscio del lettore, amplificando il proprio effetto a discapito della facciata burlesca e brillante che ammanta le performance del Nero.
Originale e travolgente, da leggere tutto d’un fiato.
Non è solo un modo di dire, ma un riconoscimento di grande valore per un testo capace di catturare sul serio, di rapire, inquadrando il soprannaturale in una gabbia di razionalità credibile, divertente e innovativa. 
Non voglio certo rischiare di rovinarvi la sorpresa (la sinossi a mio parere è anche troppo esplicita a proposito), quindi posso solo garantirvi che non vi troverete innanzi a spiegazioni arzigogolate o prive di senso, ma ad un costrutto logico coerente, capace di dare spessore al testo, garantendone al contempo la scorrevolezza di trama e credibilità.   
Un romanzo eccellente, da non perdere assolutamente. Ripeto, una casa editrice che andrebbe supportata e vi invito quindi a puntare forte su questo Italian way of cooking perchè si sa, non c'è nulla di meglio del cibo italico, anche se a base di carne di mostro! Una garanzia, non ve ne pentirete. 
Voto 8.

0 commenti:

Posta un commento