Subscribe:

lunedì 6 novembre 2017

Benvenuti a Lexington: A Better Human Being (Ciclo Di Lexington Vol 1) di JPK Dike [Rating 7]


Link Acquisto Amzon



Titolo: Benvenuti a Lexington - A Better Human Being

Autore: JPK Dike

Genere: Fantascienza, Post-Apocalittico

Prezzo: Ebook € 1

Rating: 7

Sinossi: "Nella post-apocalisse, tranne sopravvivere, ci si annoia a morte."

In un mondo dove le società umane sono cadute, e la natura ha ripreso possesso di ogni landa disabitata, Kilo vive a Lexington. Piccola città disabitata della Virginia, situata ai piedi degli Appalachi. Il posto è isolato e raramente visitato da anima viva. L'arrivo in città di una ragazzina sperduta lo costringerà ad abbandonare la sua vita isolata e sicura, portandolo a rischiare tutto per il bene di un'altra persona. 


Recensione: Che c’è di meglio di un buon romanzo apocalittico per variare un po’ la routine quotidiana e spalancare le porte a una realtà messa peggio di quella nella quale ci troviamo a vivere tutti i giorni? Ottimo, “Benvenuti a Lexington” è proprio quello che ci serve per tornare ad apprezzare, almeno in parte, ciò che ci circonda, facendoci magari riflettere sull’opportunità di curare meglio l’ambiente e l’andamento della società contemporanea, prima che sia troppo tardi.
Il romanzo di  JPK Dike ci trasporta in un mondo post apocalittico, senza perdersi in lunghe spiegazioni sulle ragioni che ci hanno condotto in questo stato, nel quale la società è regredita alla barbarie pura. Il caos imperversa, fazioni di post-umani scorrazzano fra i ruderi contorti di città abbandonate, e nulla rimane delle istituzioni edificate con fatica nel corso dei secoli di civilizzazione umana. 
Capirete che ci troviamo nello scenario classico di questi romanzi, né più, né meno. Nulla di originale quindi, e purtroppo, almeno per chi non sia alla prima esperienza di lettura in tale tipologia di lavori. Questa è l’unica critica che mi sento di muovere all’autore, che in quanto indipendente, avrebbe a mio parere potuto osare di più, inoltrandosi in qualcosa si inesplorato e finalmente capace di donarci qualcosa di originale.
La prosa di JPK Dike è pulita e consona al tema trattato: niente perdite di tempo, niente lunghe e tediose descrizioni, nessun approfondimento fosse anche solo per i dettagli fisici dei personaggi, ma dritta e diretta a costruire un’azione rapida, sempre concitata e coinvolgente. L’autore scrive bene e non ci lascia certo languire nella noia. Gli invasati, esseri che hanno perso tutte le caratteristiche umane, se non nel loro mero aspetto esteriore, mi hanno ricordato con piacere le orde di bestioni con creste punk presenti in Ken il Guerriero, o i loro pari presenti in Mad Max. Al lettore non viene risparmiata una dose abbondante di situazioni splatter e horror, dosando il tutto sapientemente, evitando di far sfumare il realismo necessario a rendere credibile il tutto. 
I due protagonisti sono ben gestiti e non si fatica ad entrate in empatia con loro. Anche l’evoluzione del rapporto fra questi, nel corso della vicenda è ben fatta, credibile e piacevole da seguire, anche se risulta abbastanza prevedibile. 
Ci sono diversi spunti non approfonditi in questo romanzo, e demandati alle prossime puntate. Il romanzo infatti non è auto conclusivo, anche se la vicenda specifica trova il suo finale in questo episodio. Segnalo che il secondo volume di questa saga è già disponibile, e si intitola “Fuga da Lexington".
Link Acquisto Amazon

L’ebook è ben curato, pochi refusi e qualità costante, senza fastidiosi scivoloni che vadano a rovinare l’atmosfera lugubre brillantemente ricreata.
Insomma che dire, il romanzo è adatto per tutti coloro che desiderano trovare ore di svago immergendosi in un’ambientazione ben curata, condita da vortici di emozioni ed adrenalina. Non vado oltre il 7 per quell’unica pecca che ho segnalato e che a mio avviso rimane un handicap notevole, nella speranza di poter alzare il voto con il seguito, sperando che i punti lasciati in sospeso da questo primo episodio spalanchino scenari innovativi e carichi di originalità. Sono certo che l’autore ne sia capace.  

0 commenti:

Posta un commento