Subscribe:

mercoledì 27 dicembre 2017

Disfida nr. 53: Lo spirito e l'isola di Simone Giudici


Link Acquisto Amazon

Titolo: "Lo spirito e l'isola"

Genere: Thriller, soprannaturale

Prezzo: 0,99 edizione Kindle, 13,90 paperback

Pagine: 455

Trama: 
Ouija:  tavola di legno sulla quale sono disegnate tutte le lettere dell’alfabeto, i numeri dallo 0 al 9, spesso un “sì” ed un “no” ed altri simboli, il cui utilizzo è abbinato ad una lancetta mobile chiamata “planchette”. Lo scopo di tale tavoletta è porre delle domande alle anime dei defunti, che attraverso un medium, farebbero sì che la lancetta si muova sulla tavola ouija e componga, utilizzando le lettere, la risposta.

Chestertown, Maryland, 1889. Ernest Christian Reiche, bizzarro inventore di origini tedesche, costruisce la prima tavola Ouija della storia, allo scopo di dare il via ad una lucrosa attività commerciale. Quando però la proverà per la prima volta, ne verrà lui stesso terrorizzato.

Isola di Marettimo, estate 1989. La giovane e bella Annele Morris manda avanti da sola la pensione “Stella Marina”, aperta anni prima dalla mamma e dal nonno, trasferitosi sull’isola dopo la Seconda Guerra Mondiale. La Notte di San Lorenzo Annele acquista da un misterioso individuo una vecchia tavola Ouija. Cosa accadrà quando deciderà di provarla? E perché continua a sognare la madre Alexandra, morta 15 anni prima? Grazie al fortuito ritrovamento del prezioso diario di guerra del nonno Alfred e alla saggezza della sua amica Angelina, Annele riuscirà finalmente a svelare il mistero che avvolge da tempo la sua famiglia e liberare la magia che si cela da più di un secolo nella tavola ouija.

Da Monterey a Baltimora, attraverso l’infernale deserto del Marocco, fino alla magica Isola di Marettimo: questo libro vi terrà incollati alle sue pagine fino all’imprevedibile e sconvolgente rivelazione finale.


Note/commenti/finalità dell'Autore:
Da vorace lettore, per anni ho sognato di scrivere un libro. Avevo tanti "incipit", ma poi le storie si perdevano. Nel 2013 ho sentito l'urgenza di raccontare questa storia che mi è arrivata improvvisamente un giorno d'estate, completa e finita nella mia testa. Ci ho messo un po' di tempo per congegnare la trama e incastrare gli eventi fittizi che si svolgono con quelli reali e dopo 4 anni, il libro ha visto la luce.

BIG da sfidare: 



Stephen King con "Mucchio d'ossa"


0 commenti:

Posta un commento