Subscribe:

domenica 27 marzo 2022

Recensione: Gli Eredi di Naétole - La Prima Luna di Nick Lost [Rating 7] - recensione a cura di Peg Fly

 


Link Acquisto Amazon

Titolo opera: Gli Eredi di Naétole - La Prima Luna 

Autore: Nick Lost 

 Editore: Pubblicazione indipendente
      
 Rating: 7
      
 Genere: High Fantasy – Heroic Fantasy – Portal Quest Fantasy
      
 Prezzo: 3,99 euro ebook; 18 euro cartaceo
      
 Sinossi:

Gli Eredi di Naétole è un romanzo fantasy ambientato in parte nel nostro mondo e in parte nel Mondo delle Tre Lune, terra di draghi, Potere e antichi popoli.
Qui vivono Aren e Ariste, due giovani guerrieri ai quali viene affidata una missione segreta: recuperare gli Occhi di Lëmasi, un misterioso tesoro perduto da tempo.
Guidati solo da echi di memorie, frammenti di leggende e dall'incrollabile fiducia nel loro Maestro, i due discepoli si preparano ad affrontare un viaggio pericoloso che li conduce fino al Portale di Naétole.
Intanto, in un luogo molto più familiare, Alex è solo un ragazzo che sta per compiere vent'anni ed è ossessionato da una donna che gli appare in sogno.
Fra segreti e tradimenti, uomini d'Ombra e Assassini, Aren e Ariste, apparentemente per sbaglio, finiscono per intrecciare il loro destino con quello di Alex.
Nessuno di loro lo sa ancora, ma tutte le loro certezze stanno per crollare e le loro vite cambieranno per sempre.
Ma la domanda è: l'onore rimarrà con loro fino alla fine?

Recensione:

Il romanzo di Nick Lost è stato davvero una gradevole sorpresa con una storia avvincente che in ogni pagina immagini di essere lì a vivere, come fosse un film. La narrazione, a mano a mano che si prosegue nella lettura, presenta una prosperità di particolari da stupire il lettore. Il dizionario finale poi è una chicca che ti fa venire subito voglia di rileggerlo.
Se siete interessati a leggere nuovi fantasy questo è un romanzo che vi consiglio largamente. L’intreccio è ben bilanciato, sia per la storia principale che delle sottostorie, che si amalgamano indiscutibilmente tra di esse come l’acqua del fiume che sbocca al mare. 
Seducente la vita dei vari personaggi che s’incontrano e si scontrano in un andirivieni di ideali di guerra e di pace, dove a volte, l’amore la fa da padrone.  
Un plauso all’autore, per aver saputo unire il mondo degli umani con quello delle Tre lune (un mondo originariamente popolato da draghi, illuminato da un sole e da tre lune, che sono le divinità che li hanno generati) e dei vampiri. 
Davvero un’ottima lettura, un High fantasy ricco di dettagli che uniscono attimi di quiete con altri di tensione. Ho amato questo volume per il richiamo alle leggende e alla mitologia classica dei bravi cantori greci e latini, dove la profezia incombe minacciando i diversi universi, nonché gli eredi di Naétole e soprattutto Aren e Ariste, due giovani guerrieri ai quali viene affidata una missione segreta: recuperare gli Occhi di Lëmasi, un misterioso tesoro perduto da tempo.
 I due giovani combattono agguerritamente in una sconsiderata guerra fratricida, che conduce il popolo a terribili privazioni, comprese le carestie.
Pur essendo una storia fantasy, ci sono parecchi riferimenti a temi come le contaminazioni razziali, dell’accettazione, della convivenza e collaborazione nelle difficoltà tra le varie razze, soprattutto il capitolo dedicato ai vampiri. Tuttavia, qui si scontrano le origini dubbie sia della giovane Ariste, una dei due Kurĩes incaricati di una delicata missione, che di Aren, l’altro eroe per antonomasia, il quale ha invece il peso del prescelto. 
I destini dei due protagonisti si intrecciano in quelle che sono le avventure nelle quali si ritrovano, loro malgrado, coinvolti in riti di iniziazione che si compiono in terre lontane, fuori dal tempo. 
Poi abbiamo l’anziano Maestro il quale non ha rivelato tutta la verità sulle sue vere intenzioni, assegnando loro il difficile compito e da cui la storia prende il via. 
Una vicenda originale e, sinceramente, mai letta prima. Perché dico questo? Ma ve lo sareste mai immaginato, che uno dei protagonisti, Alex, l’altro eroe, potesse finire in una realtà dove non hanno mai conosciuto cos’è la tecnologia? Computer, od oggetti di plastica e un universo dove gli abitanti hanno dei poteri straordinari al limite dell’immaginazione?
A questo punto il sacrificio dei nostri eroi è d’obbligo, accettare ciò che gli riserva il destino comprese le sfide per salvare il loro regno e soprattutto di essere disposti a sacrificare qualsiasi cosa in nome della giustizia e del bene collettivo. Tuttavia, la loro avventura è soltanto all’inizio...
Che altro aggiungere; finalmente un high fantasy con dei protagonisti eccellenti. 
Consigliato per tutti coloro che hanno amato Il Signore degli Anelli, ma anche gli amanti di Christopher Paolini e Tristan l’ultimo cavaliere drago, un high fantasy con la “A” maiuscola.
Gli Eredi di Naétole - La prima Luna - di Nick Lost, mi ha sorpresa. Mi ha catturata e ammaliata, sia per la descrizione degli ambienti, la caratterizzazione ben strutturata dei personaggi e per lo stile sobrio ma convincente. 
Un libro high-heroic fantasy ben ideato, i cui colpi di scena lasciano a bocca aperta. 
Lo consiglio per gli amanti del fantasy classico, che però non disdegnano anche i sottogeneri fantasy come “Il castello errante di Howl” and “Outlander”. Una storia nella storia davvero interessante che consiglio agli amanti del genere e non solo. 
Ottima l’idea del prequel a fine romanzo. Voto: 7.

0 commenti:

Posta un commento