Subscribe:

mercoledì 30 giugno 2021

Recensione: Il corpo e il sangue di Eymerich di Valerio Evangelisti

 

Link Acquisto Amazon


Sinossi:

Il corpo e il sangue di Eymerich, pubblicato originariamente nel 1996, è il secondo romanzo scritto da Evangelisti e incentrato sull'inquietante personaggio del frate domenicano, la cui figura è basata su quella di un celebre inquisitore realmente esistito nel Trecento.

Eymerich viene chiamato a Castres, nella Francia meridionale, per combattere una setta di "vampiri" che terrorizza gli abitanti della zona disseminando le campagne di cadaveri dissanguati. Circondato da un alone di malvagità e terrore senza precedenti, Eymerich mostra tutta la sua spietatezza e non esita a massacrare centinaia di persone pur di debellare l'eresia. Ma seicento anni più tardi un gruppo di modernissimi "untori" sembra voler resuscitare le gesta di quei folli devoti, diffondendo epidemie che conducono a una morte atroce causata dallo scoppio delle vene...


Recensione:

Oggi torno a occuparmi mi uno dei miei autori italiani prediletti e lo faccio recensendo uno dei capitoli della saga dell’Inquisitore Eymerich: “Il corpo e il sangue di Eymerich” di Valerio Evangelisti. Si tratta di una saga che seguo da tempo, la cui lettura ho deciso di centellinare e dilazionare nel tempo, quando più ne sento voglia. Aggiungo che, fra gli scritti dell’autore bolognese, non è l’epopea dell’Inquisitore quella che prediligo, ma ugualmente neppure questa mi ha mai deluso, almeno sino ad oggi. Già, perché in questo capitolo è decisamente mancato qualcosa. Intendiamoci, leggere le storie partorite da Evangelisti è sempre e comunque un piacere, ma questa è priva di quel valore aggiunto capace di elevare l’autore a livello dei grandi maestri del fantastico, almeno a mio parere. 

Non mi soffermerò più a lungo del necessario sulla constatazione stupefacente che sembra collegare le miei letture in modi che possono solo all’apparenza risultare casuali, ma che devono esser pilotati da intelligenze a me inconoscibili. Di che parlo? Beh, chi mi segue sa che in questi ultimi mesi mi sono appassionato di vangeli apocrifi e gnosticismo, quindi è stata una piacevole sorpresa ritrovami fra le pagine di Evangelisti il nome di Ialdabaoth, il demiurgo di molte sette gnostiche cristiane, raffigurato con testa di leone e corpo di drago detto anche Grande Arconte e Arrogante ed identificato nello Yahweh biblico. Ialdabaoth figura nel romanzo in qualità di divinità prediletta dagli Ofiti, i veneratori del Serpente corruttore di Adamo ed Eva, ritenuto elargitore agli uomini della conoscenza del Bene e del Male preclusa dal Dio del Vecchio Testamento. Certo, mi direte, è del tutto naturale visto che il nostro buon Eymerich è un Inquisitore che dedica anima e corpo allo sradicamento delle eresie, gnostiche incluse, ma è una bella coincidenza visto che la saga comprende una quindicina di romanzi. Proprio ora mi è capitato quello dedicato a questa setta. 

Ad ogni modo, tralasciando queste congetture del tutto inutili ai fini della recensione, vi parlavo di qualche piccolo problemino a livello di godibilità del prodotto. Sono due in particolare: anzitutto l’assenza del soprannaturale. Chi conosce la saga sa che Evangelisti è solito costruire storie impreziosite da elementi fantastici che spesso, o forse sempre, si risolvono in spiegazioni logico/scientifiche. In questo caso, la malattia che fa da collante fra le linee narrative del passato e quelle legate ai tempi moderi, non è in grado di suscitare quell’incredulità che avrebbe potuto. Tutto risulta piuttosto chiaro sin da subito, rendendo gli esiti delle indagini del nostro eroe/antieroe piuttosto scontate. Secondo aspetto che mi ha lasciato parecchio deluso è l’assenza di avversari degni dell’Inquisitore. Eymerich spadroneggia sovrastando i potenziali avversari, annichilendoli sin dall’inizio, rendendo la sua vicenda una mera cronaca dal finale già scritto. Non si percepisce mai un rischio reale per il lavorio macchiavellico dell’ingegnoso e inflessibile Inquisitore e questa è una pecca grossa a mio parere, capace di togliere mordente alla storia. 

In conclusione, un romanzo che supera la sufficienza, ma non certo il migliore della serie, nonostante le piacevoli dissertazioni su catari e ofiti. 

Andrea Zanotti

giovedì 10 giugno 2021

Disfida nr. 141: Baby-Lon.616 di Andrea Sadà VS Cormac McCarthy

 



Titolo opera: Baby- Lon. 616

Autore: Andrea Sadà  

Andrea Sadà  è un personaggio sospeso fra realtà e fantasia, come i suoi scritti. Ha affiancato agli studi classici e alla curiosità per le scienze della natura una vera e propria passione per la farmacopea degli antichi speziali, la lucentezza metallica dei coleotteri e la forma degli alberi. Ama i classici della letteratura, ma non disdegna gli Urania doc. Bazzica esposizioni e fiere d’arte contemporanea, viaggia per lavoro e per piacere, osservando con attenzione in ogni luogo la routine degli altri. Baby-Lon.616 è il suo primo libro.

Formato libro: ebook e cartaceo  223 pag. copertina flessibile

Genere: fantascienza

Prezzo: ebook 6.99 euro cartaceo 15 euro. Acquistabile online e in libreria.

Sinossi: 
In un futuro prossimo, su una Terra sempre più in agonia, un’oscura malattia avanza inesorabile, nell’indifferenza generale. Anche Eli, impegnata tra il lavoro e una relazione complicata, è incurante delle sorti del mondo: ha lottato tanto per la sua quotidiana normalità ed è decisa a preservarla a tutti i costi. 


Ma incubi, enigmi linguistici e inquietanti coincidenze sembrano suggerirle altro: c’è qualcosa in lei che va oltre le sue umane barriere razionali. Aiutata dalle persone più care, Eli inizia quindi a scavare nella propria infanzia e a compiere delle scelte, perché solo così potrà conoscere il suo destino, solo così la sua ricerca nel passato potrà forse salvare il futuro di tutti.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  Link Acquisto Amazon
Note: 
Baby-Lon.616 è stato scritto fra il 2018 e 2019, la dicitura complicata è ispirata alle nomenclature dei virus, ma allora il Covid non imperversava nelle nostre vite: l’oscura malattia di cui si parla nel libro si presenta con ben altri sintomi. 

Commenti: 
Il genere in cui collocare Baby-Lon.616 non è ben definito, a metà tra fantasy e fantascienza, ma anche thriller metafisico: futuro distopico e versi biblici, ricerche d'archivio e rimedi medievali. Chi l’ha letto dice che ha molteplici chiavi di lettura. 

Finalità dell'Autore: 
Indagare sul libero arbitrio, sul potere della parola, sulla paura del potere ecc ecc.

BIG da sfidare: 


                                                                                                                                                                                                                                                               Cormac McCarthy in La strada                                                                                                                                                                                      Link Acquisto Amazon













domenica 6 giugno 2021

Recensione: Luce nel Buio di Maria Cristina Malagoli [Rating 7] - recensione a cura di Peg Fly

 

Link Acquisto Amazon


Opera: Luce nel buio

Autore: Maria Cristina Malagoli

Editore: AmicoLibro

Genere: fantascienza

Target: Young/adult

Collana: Le Lune

Prezzo: ebook E 2,79 - cartaceo 13,55

Rating: 7

Sinossi:

La Terra vista da lassù assomiglia a una piccola palla blu circondata da un alone di luce che la fa brillare in mezzo all’immenso buio dello spazio. Una visione meravigliosa che lascia senza fiato i pochi privilegiati che hanno potuto godere dell’incredibile bellezza di questo pianeta. Gli uomini che la abitano finora non hanno dimostrato di apprezzare questa infinita perfezione. Per fortuna la Terra è una sorvegliata speciale, c'è qualcuno che la protegge e in alcune circostanze è intervenuto in silenzio a risolvere situazioni pericolose per se stessa e gli uomini. Chi è? Si potrebbe meglio dire chi sono. Sono gli alieni, una specie evoluta che controlla l'operato dell'uomo per evitare l'autodistruzione dell'intero pianeta. Non saranno soli in questo difficile compito, avranno l'aiuto di quattro adolescenti che con il loro coraggio, la loro forza e i loro ideali saranno i messaggeri impavidi di un problema che sta devastando il mondo.

Una parte dei proventi di questo libro sarà devoluta all’Associazione Legambiente Sardegna per sostenere la lotta contro l’inquinamento ambientale e la conservazione del territorio.


Recensione:



Luce e buio

È buio pesto nella vostra camera, così accendete 

una lampada e improvvisamente la stanza si riempie di luce.

La luce è una fonte di illuminazione, 

sia che sia naturale (come il sole), 

o artificiale (come la tua lampada).

Inizio modulo

“L’amore è luce, la libertà oltre-luce.”

Cosmo Grandi – scrittore e poeta



In un’epoca come la nostra, bersagliata da virus, malattie, basi nucleari, deterioramento dell’ambiente a causa dell’inquinamento, gli umani si interrogano su quale possa essere la strada giusta per non perderci ed arrivare all’estinzione dell’umanità. 

Bella domanda alla quale non è facile rispondere. Ma quando mi sono promessa di leggere un romanzo come questo scritto da Maria Cristina Malagoli, beh, lasciatemelo dire, dentro di me è nata la speranza che sì, ce la possiamo fare a riequilibrare il senso delle cose, a dar nuova luce al nostro universo appoggiandoci al senso di responsabilità che dovrebbe essere intrinseco in ognuno di noi, in ogni essere umano che rispetti. 

Lo stile sobrio dell’autrice, poi, ha reso la lettura scorrevole ed empatica, portandoci a contemplare nuovi orizzonti, nuovi punti di vista che non siano sempre percepiti negativamente. L'autrice ha avuto la capacità di rendere tutto estremamente leggero e, al contempo, aprirci nuovi orizzonti, anticipando persino la Atawood, grazie al movimento portato avanti dalla giovane Greta Thunberg. Una visione ottimistica e lodevole, all’interno di una lotta per l’ambiente che deve necessariamente principiare da movimenti giovanili, detentori del nostro futuro.

Il titolo apposto al romanzo è lodevole, e che dona fascino e coinvolge già da subito il lettore.

Buona la capacità narrativa, in cui il mistero avvolge tutto in una bolla di curiosità, che ti invoglia a scoprire cosa c’è dietro “la luce nel buio”. Un titolo d’effetto che concede al lettore il fascino del mistero e l’audacia della scoperta! Da subito sono stata colpita dalla curiosità di scoprire cosa celasse la “luce nel buio”: un gioco di parole che narcotizzano, una perifrasi ammaliante e suggestiva, resa tale anche dalla bravura dell’illustratore, il quale è riuscito a immaginare con i suoi tratteggi, le parole espresse dall’autrice. 

Durante la lettura, si evince chiaramente che la trama è ben delineata per una storia fantastica, ambientata tutta in quelle che sono le meraviglie originarie di un’isola come la Sardegna.  Ma c’è di più, dalle parti dialogiche si evince la grandezza dei sentimenti espressi con garbo e dei valori più aulici dell’essere umano. La storia d’amore tra due adolescenti, è una storia che tocca gli animi e che riflette e racchiude il sapore dolce di un amore acerbo ma vero. 

Quello che mi ha colpito soprattutto, è quel senso di protezione di uno dei protagonisti verso la sua amata, che si sacrifica per il bene di lei, della propria terra. É una storia che colpisce dritta al cuore, che incita chi la legge a perseguire sempre e comunque, e in ogni caso, i propri obiettivi. A lottare per raggiungere con consapevolezza il bene per tutti, giovani o meno. 

L’aspetto narratologico è quanto mai di più elegiaco si potesse esprimere in un testo.

Le ambientazioni sono descritte con le sfumature uniche che un luogo bucolico come la Sardegna può donarti ed emoziona l’idea di essere riusciti a immergercisi solo con le parole e le rappresentazioni di una storia come questa.

I pov dei personaggi sembrano così reali, da poterli toccare con mano.

Un plauso all’autrice, la quale è riuscita a catturare attenzione e ad appassionare, racchiudendo tutto in un quadro paesaggistico tinto di amore, umiltà gioia e decoro.

Un romanzo di fantascienza per ragazzi il cui tema notevole dell'ambiente ti affascina e ti trasporta ai confini di un universo immaginifico ma altrettanto reale.

Consigliato vivamente

Voto sette

Peg Fly

mercoledì 2 giugno 2021

Disfida nr. 140: L'Inferno di Malinverno di Stefano Amadei VS Dante Alighieri

 


Titolo opera: L'Inferno di Malinverno ovvero Diabolici (e inutili) tentativi di liberarsi di un gatto nero


Editore: Pubblicazione indipendente

Genere: Fantasy per Ragazzi (11+)

Pagine: 198

Prezzo: Euro 1,99 Ebook - Euro 8,90 Cartaceo Paperback

Sinossi:
«Dunque, ero lì che mi stavo occupando di uno dei compiti più importanti di tutto l'Inferno...»
«Stavi solo contando i dannati del tuo girone.»

Link Acquisto Amazon

«Non mi interrompere, gatto! Ero lì che mi facevo gli affari miei quando salta fuori questo scocciatore di un gatto nero. Dice che gli ho salvato la vita, bla bla bla e mi resta appiccicato neanche fosse ricoperto di pece.»
«Non ti fare illusioni: i gatti si affezionano alle caverne e non ai diavoli.»
«Insomma, cerco di liberarmene in ogni modo, ma tutto ciò che ottengo è l'Inferno completamente distrutto!»
«O quasi.»
«O quasi, già!»
«Beh, che aspettate? Malinverno è il diavolo più spassoso e assurdo che abbia mai incontrato. Parola di gatto Mammone!»
«Ehi!»
«Che c'è?»
«Niente, lascia stare!»

Note/commenti/finalità dell'Autore:

Strano sì può sembrare
amo scrivere novelle
per il gusto di donare
le fiabe mie più belle
ai bambini d'ogni dove
raccontare indovinelli
filastrocche, riportare
al cuor momenti belli
e tornare sì a giocare
assieme a veri amici
spensierati, divertiti
mille corse con le bici
nei giardini rifioriti:
della vostra fantasia
vi rivoglio fare dono
e lasciare ch'essa sia
il più ricco e saggio trono.

BIG da sfidare:


Non ci penso che un istante: 
prendo fiato e sfido... Dante!                                                   Link Acquisto Amazon