Subscribe:

mercoledì 12 maggio 2021

Recensione: La piramide di fuoco di Arthur Machen

 




Descrizione:
“Le possibili definizioni di Machen sono assai meno importanti di certe singolarità che credo di percepire nella sua opera. Una è l'esistenza del Male, non come mera assenza del Bene, alla maniera di tante teodicee, ma come un'entità o una coalizione di entità che lotta incessantemente contro il suo opposto, e che ha la possibilità di vincere.” 
Jorge Luis Borges


Recensione:
Oggi vi presento La piramide di fuoco di Arthur Machen, breve antologia di tre novelle curata nientemeno che da Jorge Luis Borges. Ecco, già questa dovrebbe essere sufficiente come garanzia, ma se proprio non vi dovesse bastare, mi dilungherò in qualche ulteriore riga di commento. 
Si tratta di racconti legati dal tema della corruzione, spirituale e fisica, ad opera di poteri sovrannaturali di chiaro stampo demoniaco. Di Machen ho letto solo il romanzo Il grande dio Pan, ma devo ammettere che il Machen ritrovato in quest’antologia mi ha colpito maggiormente. Come sapete non amo molto i racconti e spesso non riesco a entrare in sintonia con questa tipologia di opere, invece l’autore in questo caso è riuscito a catturarmi e a catapultarmi nelle atmosfere descritte in modo del tutto naturale ed efficace. La presa sulla mia attenzione è stata graduale e gestita in maniera ottimale, calando gli eventi soprannaturali con gradualità e accortezza, lasciando lunghi tratti a disposizione delle ombre striscianti per invadere l’animo del lettore senza che questo riesca ad accorgersene razionalmente, sinché non è oramai troppo tardi per sfuggire all’inspiegabile. Verremo così trasportati dalle verdeggianti colline della campagna albionica, con le sue brume tanto evocative, direttamente al centro di sabba antichi quanto il mondo stesso. 
Lo stile di Machen è elegante e ci accompagna in quelle che divengono vere e proprie indagini in stile racconto giallo, ma con toni horror legati a riti, miti e leggende antiche. Insomma un ottimo lavoro e un'antologia assolutamente consigliata.





0 commenti:

Posta un commento