Subscribe:

domenica 30 giugno 2019

Recensione: Sadhu Futuro di Andrea Zanotti [Rating 8,5] - recensione a cura di Gianfranco Pereno


Link download gratuito Amazon
Titolo: Sadhu Futuro

Autore: Andrea Zanotti

Saga: I Profeti dell'Apocalisse

Editore: Pubblicazione indipendente

Genere: post-apocalittico

Prezzo: digitale FREEcartaceo Euro 4,15

Sinossi: 
"Sorgeranno infatti falsi cristi e falsi profeti e faranno grandi portenti e miracoli, così da indurre in errore, se possibile, anche gli eletti. Ecco, io ve l'ho predetto." Matteo 24,11-13

Fede e Spiritualità hanno sostituito le vecchie divinità. Progresso, Tecnica, Finanza, sono icone del passato, simboli della fine di un'umanità corrotta e vuota, deità abbattute dalla loro stessa progenie satolla di delirio di onnipotenza. Il problema, ora, è solo quello di scegliere a quale profeta votare la propria esistenza... sperando di non finire distesi sulla fredda pietra di un altare sacrificale. 
L'ebook contiene il prequel alla Saga "I Profeti dell'Apocalisse":
#0 Sadhu Futuro
#2 L’ascesa di Necrostadt


Recensione:
Per chi come me, è sobbalzato sulla poltroncina del cinematografo, prima alle scene di Interceptor e poi al primo Mad Max, non può che far piacere questo racconto di Andrea dal quale, se come afferma l’Autore è il prequel di una saga ben più strutturata, non possiamo che aspettarci in futuro ore di lettura adrenalinica.
Ma in questo scenario introduttivo l’Autore fa qualcosa di più e presentandoci subito una visione distorta e degenerata di un post apocalittico mondo religioso di sentore buddista e induista, costringe il lettore a perdere subito ogni speranza che potrebbe essere generata da due tra le più antiche forme di pensiero dell’umanità stessa, travolgendola senza pietà nelle acque ormai letali del sacro fiume Gange o “Sacro Ponge”, come lui l’ha chiamato.
E la stessa misteriosa forza che inaspettatamente salva Nero, l’involontario protagonista di questo prequel, si rivela fin da subito tutt’altro che pacifica, dal momento che gestisce disinvoltamente “angeli” che non si turbano minimamente nel massacrare e spezzettare i nemici del loro padrone.
Abbandonata quindi l’idea mistica o religiosa del “Bene Superiore”, al lettore non rimane che accettare la dura realtà di un mondo post apocalittico, dove ormai conta solo la quotidiana sopravvivenza personale, senza intermediari sublimatori e dove il lettore si accomuna con il protagonista esclusivamente per la sua umanissima necessità di salvare le persone che ama.
Se lo scenario è ben delineato, gabbie da combattimento e psicologie pratiche da gladiatore comprese, rimane ora da vedere come l’Autore, a cui non manca sicuramente ne’ la fantasia ne’ l’amore per il genere, saprà rendere in modo sempre più reale una visione di futuro già battuta ampiamente dagli “addetti ai lavori”.
Sicuramente sa scrivere e sa raccontare, cose che non sempre combaciano anche in Autori ben più affermati, e se questo è già di per se una garanzia, aggiungendo poi l’entusiasmo proprio di Andrea per il genere stesso, che traspare da ogni riga, le probabilità di ritrovarci tra le mani una saga di tutto rispetto aumentano in modo esponenziale.
Pro: Piena padronanza del genere e attenta cura del testo e dei dialoghi.
Contro: Eccessivo uso degli aggettivi, a volte anche non appropriati, che limitano la fluidità della lettura e l’immedesimazione del lettore in una storia che già di per se è valida e non necessita quindi, nel modo più assoluto, di ulteriori rifiniture linguistiche proprie (e abusate) del genere fantasy.
Voto: 8,5  
Non tanto per quello proposto sino ad ora, ma per quei piccoli semi gettati che promettono sviluppi e tematiche tutt’altro che scontate.

0 commenti:

Posta un commento