Subscribe:

martedì 7 febbraio 2012

Pagare con un tweet: il sistema di pagamento sociale e geniale!






Oggi parliamo di questo strumento, che forse non tutti conoscono. Per me è stata una rivelazione, veramente, e come spesso accade in questi casi, la genialità dell’idea risiede nella sua semplicità.
E’ una regola che guarda caso non ammette eccezioni. Pensateci, la complessità, che tanto imperversa nella nostra epoca, non arriva mai neppure a lambire la genialità. Serve solo ai vari azzeccagarbugli di turno per giustificare la propria esistenza e per prosperare. Badate il mio non è il solito elogio alla vita secondo natura, alla barbarie tanto ripudiata dai fautori della civiltà e del progresso, ma un dato di fatto inconfutabile! Deraglio pericolosamente, perdonatemi… un po' di musica per riprendermi...


Tornando a noi, dicevamo di questo paywithatweet.
Lo testerò direttamente su Forze Ancestrali, così come ogni altra iniziativa che desidero porre in essere al fine di tracciare la via migliore per divenire scrittori indipendenti a tutti gli effetti. Il tutto per renderla poi replicabile per altri che vorranno seguirla. Qualcosa in prosposito bolle già nel calderone formato dal mio cranio perfettamente rasato, ma ne parleremo più avanti.
Offrire un ebook gratis è una via eccellente per ampliare il potenziale pubblico, soprattutto per un autore sconosciuto.
Tutti d’accordo.
Chiedere in cambio un feedback, una recensione, un riscontro qualsiasi su twitter o su facebook, così come sui diversi blog o forum di settore era, ed è, lecito da parte dell’autore.
Anche qui nessuno ha nulla da ridire.
Eppure non sempre ciò avviene, per i più svariati motivi. Ho statistiche clamorose che stimano un impietoso rapporto fra commenti/download a meno dell’1%. Sono calcoli spannometrici da me stesso effettuati ovviamente e basati su alcuni casi di autori che hanno postato il loro ebook… prendiamoli quindi con le pinze, la serva avrebbe certo fatto un calcolo migliore, comunque i risultati sono disarmanti.
Pigrizia o timidezza innata del lettore, o desiderio di non ferire l’amor proprio dell’autore, delusione o chissà cos’altro. Il marketing ci insegna invece che l’importante è parlare di un argomento, nel bene o nel male, tutto fa brodo. Soprattutto ritengo che l’autore in questione sia grato per qualsiasi commento o critica. Veramente! Sembra una frase fatta, ma per me è così. Le critiche costruttive portano apprendimento, quelle "distruttive" forniscono invece l’occasione per scaricare i nervi e ribattere colpo su colpo, insulto su insulto! Scherzo naturalmente… almeno in parte…
Comunque con http://www.paywithatweet.com/ siamo ben oltre e la genialità risiede proprio in questo.
Pagare con un cinguettio per scaricare l’ebook.
Inviare un segnale di fumo mentre gli uragani imperversano nei dintorni non è cosa banale, invece questa applicazione semplifica il tutto.
L’autore imposta un breve messaggio che verrà pubblicato dal lettore su Twitter o su Facebook divulgandosi così potenzialmente all’infinito. 

notate l'incedere leggiadro dei volatili... inarrestabili!

Avete presente la casellina di Facebook “cosa stai pensando?”
Ecco, è sufficiente copiare in quella il link che viene proposto all’atto di scaricare l’ebook e per magia, perchè di questo si tratta, ne sono certo, il messaggio preimpostato dall’autore comparirà sulla bacheca del lettore. Ovviamente questo potrà modificarlo a piacere, ma se la pigrizia dovesse avere il sopravvento, potrà limitarsi a lasciare quello base, e tutti saranno ugualmente contenti.
Il servigio che il lettore avrà fatto allo scrittore indipendente sarà enorme e per lui a costo zero.
Meraviglioso.
grande festa, per tutti!

La speranza è quella che si scateni un effetto a catena, ma nella peggiore delle ipotesi, non accadrà nulla di nulla. Poco male.
Lasciamo comunque sia il tempo a emettere sentenza definitivica. Potenzialmente questo strumento è sicuramente interessante e lo consiglio a chiunque volesse ampliare il proprio pubblico.
Aggiungo un ultima cosa: chi non bazzicasse su Twitter o su Facebook, e volesse leggersi ugualmente il mio ebook, non ha che da contattarmi su: admin@scrittorindipendenti.com.
Gli invierò il PDF senza problemi. Non è mia intenzione discriminare nessuno ^_^

0 commenti:

Posta un commento